Siamo aperti tutto l'anno

La carta d’identità del cibo italiano

La carta d’identità del cibo italiano

Si fa presto a dire “buon cibo” e “cucina della tradizione” in tempi di cibo standardizzato. Cucina del Sole propone ricette della tradizione siciliana e mediterranea nel pieno rispetto del chilometro zero e della stagionalità. Anche nei nostri corsi l’obiettivo è quello di trasmettere un sapere che unisca tecnica e consapevolezza di ciò che si mette a tavola. Prediligo prodotti…

Leggi di più

“The best taste of Sicily” in un libro

“The best taste of Sicily” in un libro

Sugli scaffali di pochi fortunati viaggiatori esiste un piccolo libro al quale sono molto legata. Questo volume si intitola The best taste of Sicily, è stato scritto e tradotto in inglese pochi anni fa da mia madre, Eleonora Consoli. Era il suo dono speciale per i corsisti provenienti da tutto il mondo che partecipavano alle sue lezioni di Cucina del Sole e…

Leggi di più

La ricetta delle radici: il cuscus

La ricetta delle radici: il cuscus

C’è una ricetta che rappresenta le mie radici mediterranee: il cuscus. La famiglia di mia madre, che tanto ha influenzato la mia visione culinaria, ha vissuto in diverse parti della Sicilia e non solo: Palermo, Trapani, ma anche il Nord Africa. Una immensa area eterogenea, con mille differenze culturali e gastronomiche, dove però è possibile trovare degli elementi di contatto.…

Leggi di più

Olivette di Sant’Agata, il sapore della festa

Olivette di Sant’Agata, il sapore della festa

Tutte le feste del Sud Italia rappresentano l’occasione giusta per gustare le  ricette della tradizione che uniscono famiglia e amici a tavola. A Catania la ricorrenza principale, quella che si attende con più impazienza e per la quale si lavora per settimane, è senza dubbio la festa della patrona Sant’Agata, fissata per il 5 febbraio di ogni anno. Tra i tanti dolci…

Leggi di più

Un dolce siciliano di riso e mandorle

Un dolce siciliano di riso e mandorle

Gli anziani siciliani lo esclamano ancora quando se lo ritrovano nel menù: “Risu: quantu mi jsu”. La traduzione in italiano è semplice: “Riso, e già mi alzo (da tavola)”, e rivela quel senso di leggerezza che il cereale restituisce all’assaggiatore a pasto già concluso. Un buon piatto di riso, in teoria, non dovrebbe rientrare  nell’immaginario sensuale del pranzo siciliano. Ai clamorosi…

Leggi di più