Come preparare il Gelo di anguria

Il sicilianissimo Gelo di anguria si gusta nelle buone pasticcerie della Sicilia occidentale; è conosciuto anche come Gelo di mellone, un nome antico italianizzato dal nome del frutto in dialetto siculo, u mulùni. La ricetta si trova inserita in tutti i libri firmati da mia madre, Eleonora Consoli, ancora oggi utili riferimenti per i miei corsi che tengo a  Viagrande

Non si tratta affatto di un gelato nonostante il nome, ma è invece una gelatina, un delicato dessert di solito servito a chiusura di pasto, tradizionalmente estivo e in molte tavole siciliane non manca durante le scorpacciate di Ferragosto. In Sicilia è normale imbattersi agli angoli delle strade, sia cittadine che di periferia, nei venditori di anguria “con la prova”, gli ambulanti con motoape cariche di golose angurie spesso mantenute fresche perché immerse in enormi vasche piene di chili e chili di ghiaccio. La “prova” consiste nell’assaggio da parte del cliente prima dell’acquisto. Ovviamente le angurie migliori per preparare il Gelo di mellone sono quelle particolarmente dolci, poiché sebbene la ricetta preveda una buona dose di zucchero e di eventuali aromi naturali come ad esempio la cannella, la vaniglia naturale o persino l’essenza di gelsomino, è importante che sia il frutto  ad essere veramente maturo.

 

anguria

Una storia di leggerezza

I geli sono una vera risorsa della cucina siciliana; ne esistono al limone, alla cannella, al caffè ma anche al latte di mandorla come imitazione dell’ originale biancomangiare. Molte cucina vegane dell’Isola lo hanno reinventato abbinando frutta locale a frutta tropicale, anche in una versione più autunnale come ad esempio mixando mirtilli rossi e mela, o anche mandarino e limone, o arancia rossa. Non necessitano in verità stampi particolari, vanno bene anche quelli in silicone per i muffin, ma nella tradizione venivano usati anche gli stampi in terracotta con le medesime decorazioni usate per le mostarde.

In questa ricetta c’è chi preferisce evitare la cannella o la vaniglia limitandosi al solo succo  fresco di anguria. Infine, può essere considerata un’ottima base cremosa per farcire delle crostate.

Gelo di mellone

Gelo di anguria

Ingredienti:

1 l di succo di anguria

120 g di zucchero

90 g di amido di grano

60 g di zucca candita

60 g di cioccolata fondente

vaniglia

cannella prestata nel mortaio

essenza di gelsomino (facoltativa)

fiori di gelsomino o pistacchio tritato per decorare.

Procedimento: Passando al setaccio al passa verdura la polpa di una grossa anguria, misurarne 1 l e mescolarla, facendo attenzione a non formare grumi, allo zucchero e l’amido. Porre il composto in una pentola sul fuoco; portarlo ad ebollizione e farlo cuocere per qualche minuto finché si sarà un po’ ristretto. Aggiungere un pizzico di vaniglia, o di cannella ed eventualmente un po’ di essenza di gelsomino. Farlo intiepidire e quindi incorporare la zucca candita, tritata, e il cioccolato a pezzetti. Versarlo subito non lo stampo delle formelle da mostarda e collocarla In frigo per qualche ora. Sformare il gelo il momento di servire e decorarlo con fiori di gelsomino o pistacchio tritato.

 

La ricetta del Gelo di anguria è semplice ma genuina, come tante ricette dolci della cucina siciliana.

Nella Cucina del Sole molti corsi sono dedicati ai piatti storici dell’Isola. Se volete imparare con me le ricette della tradizione siciliana o mediterranea, contattatemi!