Pane ripieno per un pranzo di primavera

Il Pane ripieno è una delle ricette che la mia mente collega alla primavera. Tempo di rinascita, di nuovi inizi e di grande festa. Ma anche di nuovi sapori, soprattutto in tavola, ovviamente! Il periodo della Quaresima per le donne della mia famiglia era un preludio per la preparazione del grande pranzo di Pasqua e di quello successivo di Pasquetta, due giorni da celebrare come la tradizione culinaria siciliana impone. E poi, con l’arrivo delle belle giornate di sole, ci sono i primi picnic, le escursioni, le grandi tavolate per festeggiare assieme agli amici il 25 aprile e il Primo maggio.

In tutte queste occasioni il mio pane ripieno non sfigura mai assieme alle tantissime pietanze che la primavera ci permette di realizzare. Anche i viaggiatori stranieri che frequentano i miei corsi di Cucina del Sole sentono nell’aria tutti i profumi di questa splendida stagione e non possono non restare affascinati dalla varietà di prodotti che la nostra Terra offre.

«La Sicilia è il paese delle arance, del suolo fiorito la cui aria, in primavera, è tutto un profumo»

(Guy de Maupassant)

In queste settimane i banchi dei miei amati mercatini a chilometro zero si riempono di nuovo di quei sapori e colori che erano scomparsi con il freddo dell’inverno. Asparagi, bietole, cicoria, cavolfiori, erbettespinaci. E ancora le ultime arance e le prime fragole, nespole e ciliegie… Insomma, per preparare un bel menù non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Cucinare rispettando le stagioni

Durante le mie lezioni di cucina lo ripeto sempre: la stagionalità di frutta e verdura va rispettata sempre. I benefici che si traggono da questa buona pratica sono moltissimi. Per esempio spendiamo di meno e mangiamo più sano, perché acquistiamo prodotti che non provengono dalla grande distribuzione, e inoltre sosteniamo le piccole realtà locali che lavorano seguendo il calendario della Natura. Anche per una ricetta apparentemente semplice come il pane ripieno vale questa regola. L’impasto lo realizzo sempre con farine siciliane (come ho scritto in questo post dedicato al tema) e per la farcitura interna utilizzo le verdure del periodo.

Pane ripieno – La farcitura
Pane ripieno: la ricetta

Per l’impasto: 500 grammi di farina di Maiorca (oppure 250 grammi di farina 00 e 250 grammi di manitoba), 75 grammi di strutto (oppure 6 cucchiai di olio extravergine di oliva), 15 grammi di sale, 300 ml di acqua tiepida, 25 grammi di lievito di birra, un cucchiaino di miele di fiori d’arancio.

Per il ripieno: 300 grammi di verdure saltate con aglio e peperoncino, tre uova sode sgusciate e affettate, 50 grammi di salamino alla cacciatora, 50 grammi di pecorino grattugiato, 50 grammi di bechamel, uovo battuto e semi di papavero oppure sesamo.

#LIVE! L’impasto del “Pane ripieno”, e degli “Gnocchi alla parigina” in diretta dal corso #MenùdiPasqua #stepbystep #cookingclass

Pubblicato da Cucina del Sole di Monica Consoli- corsi di cucina su Giovedì 14 marzo 2019

Il procedimento

Questo impasto può essere preparato sia a mano che con l’impastatrice. Nel primo caso, bisogna fare la classica fontanella con la farina e al centro mettere strutto e sale. Nel caso in cui lavoriamo con l’impastatrice, basterà mettere i tre ingredienti nel recipiente. Sciogliere il miele e il lievito nell’acqua tiepida e iniziare a impastare aggiungendo una metà dell’acqua. Il resto verrà versato, poco alla volta, proseguendo a impastare.

Pane ripieno - L'impasto
Pane ripieno – L’impasto

 

Continuare a lavorare fino a quando l’impasto non diventa ben compatto e omogeneo. Nell’impastatrice è facile accorgersene perché il composto si incorda intorno al gancio. Mettere a lievitare al tepore, ben coperto, per circa 30 minuti. Quando il pane è ben lievitato, spostare l’impasto sul piano di lavoro e allargarlo. Disporre all’interno le verdure ben condite con il pecorino, aggiungere le uova sode, il salamino tagliato a cubetti e qualche cucchiaiata di bechamel, lasciando un bordo di pasta libero.

Avvolgere e chiudere il ripieno nella pasta – eventualmente ripiegandola al di sotto – e sigillare. Spennellare dell’uovo sbattuto e cospargere la superficie con i semi di papavero o del sesamo. Preriscaldare il forno a 200 gradi e mettere il pane ripieno abbassando la temperatura a 180 gradi. Cuocere per circa quaranta minuti.

A cottura ultimata, togliere dal forno e coprire la teglia con un panno pulito. Lasciare riposare per circa venti minuti prima di servire.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sui corsi di Cucina del Sole? Metti il tuo like alla pagina Facebook per conoscere le date delle prossime lezioni.